L M M G V S D
 
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31
 
 
 
 
 
 

Newsletter

NOME *
EMAIL *
Privacy (leggi l'informativa)

Demasportello

Il Codice dell’amministrazione digitale prevede la creazione da parte di ogni Pubblica Amministrazione di fascicoli informatici; gli obiettivi sono molteplici, ma, attesi i risparmi gestionali che si producono nella conservazione documentale a norma si è più recentemente posto l’accento sulla dematerializzazione documentale nell’impresa.

In genere per la conservazione della documentazione cartacea in Italia ogni anno si spende l’equivalente del due al quattro per cento del prodotto interno lordo ovvero tra i quaranta ed i cinquanta miliardi di euro; tale somma potrebbe essere risparmiata ogni anno se solo si procedesse ad una massiva dematerializzazione documentale ed alla conservazione in modo informatico, ove possibile, della documentazione originale e ciò secondo le attuali disposizioni normative che predicano anche l’uso di sistemi di tracciabilità e rintracciabilità dei documenti c.d. “ibridi” così conservati.

Si tratta di un progetto ambizioso che incontra, come in tutte le rivoluzioni sistemiche, molte resistenze prima di tutto culturali e psicologiche e naturalmente sottolinea le problematiche di alfabetizzazione ed aggiornamento nell’uso delle tecnologie informatiche, nell’uso della P.E.C. e della firma digitale.

Il processo è stato comunque avviato e diventerà inarrestabile come avvenne nel passaggio dalle scritture cuneiformi sulla pietra alla pergamena: così oggi dalla carta al bit.

Molteplici i progetti e molte sono le risorse che l’Amministrazione Regionale del Friuli Venezia Giulia ha destinato alla “modernizzazione” della Pubblica Amministrazione.

Il Polo Tecnologico di Pordenone, i suoi Soci unitamente all’Associazione per lo studio del diritto di Pordenone, intendono contribuire all’approfondimento delle tematiche legate appunto alla conservazione sostitutiva ed anche alla figura, normativamente prevista, del Responsabile della conservazione: congiuntamente hanno allora deciso di offrire agli operatori della Pubblica Amministrazione, ai responsabili delle imprese e delle associazioni di categoria, un servizio di audit e consulenza gratuita a sportello per tutti coloro che intendono approfondire i temi legati appunto alla conservazione documentale sostitutiva.

Lo sportello è attivo presso il Polo Tecnologico di Pordenone e riceve gli interessati ogni venerdì pomeriggio su appuntamento; molti i professionisti e gli esperti a disposizione sui temi della dematerializzazione documentale a norma, sulla tenuta sostitutiva anche della documentazione contabile, in collaborazione con le Agenzie delle Entrate.

Il Polo in collaborazione con l’Associazione per lo studio del diritto organizzerà una serie di incontri e seminari in tema, con la collaborazione di associazioni di categoria, ordini e collegi professionali ed istituti di credito.

Informazioni ed agenda presso la Segreteria del Polo.

Link:

 
© 2012
Polo tecnologico di Pordenone
Andrea Galvani
P.IVA 01472410933
crediti: Representa